Docenti

Coordinatore

Ferruccio Izzo

Ferruccio Izzo (Losanna, 1960) è Professore Associato di composizione architettonica presso la Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Ha lavorato negli studi di W. Blurock (L.A.), E. Catalano (Boston), R. Meier (N.Y) e D. Chipperfield (Londra). Ha insegnato Progettazione Architettonica ed Urbana come visiting professor alla London Metropolitan University (1992-1996), alla Facoltà di Architettura della University of Cambridge (1995-1996), alla Facoltà di Architettura di Alghero (2002-2003), al Technische Universität di Vienna (2010-2012). Ha tenuto seminari e conferenze presso la Bath University School of Architecture, la Facoltà di Architettura dell’Università di Mosca, la Facoltà di Architettura di Dusseldorf, la Akademie der Bildenden Kunste di Stoccarda, la Bauhaus Universität Weimar, la University of Strathclyde di Glasgow, l’Accademia di Architettura di Mendrisio. Membro del Comitato Scientifico del Seminario Internazionale di Progettazione Napoli, Architettura e Città (1998-2001), del Collegio del Dottorato di Ricerca in Progettazione Urbana dell’Università di Napoli Federico II, Responsabile Scientifico del Master di II Livello in Progettazione di Eccellenza per la Città Storica. Dal 1994 è partner dello Studio Alberto Izzo & Partners. Ha progettato edifici pubblici e privati tra i quali la Scuola Materna di Vicenza (2004), la Biblioteca U.S.A ad Aviano (2010), la stazione circumvesuviana di Pioppaino (2006), l’albergo e complesso direzionale a Gricignano di Aversa (2013), il complesso di social housing Polina a Gricignano di Aversa (2012),la Cittadella Giudiziaria di Salerno (1999) e il recupero urbano del Complesso monumentale Santa Chiara a Pisa (2007) con David Chipperfield.

Direttore laboratorio ricerca progettuale

Alberto Izzo

Alberto Izzo (Portici, 1932) si è laureato in architettura a Napoli nel 1961. Ha lavorato a New York presso lo studio di Marcel Breuer, frequentando diversi significativi esponenti della cultura artistica ed architettonica attivi negli Stati Uniti, fra i quali J. Albert, R. Meier, P. Belluschi, C. Eams e E. Catalano . Dal 1969 è Libero Docente alla facoltà di Architettura di Napoli, dove dal 1990 è Professore Ordinario di composizione architettonica. Nel corso della sua attività di docente contribuisce alla diffusione dell’opera dei maestri dell’architettura contemporanea, curando numerose mostre e cataloghi monografici (fra cui per citarne solo alcuni) quelli dedicati a James Stirling (1974), Five Architects of New York (1975), Frank Lloyd Wright (1976), Luis Kahn (1976), Eduardo Catalano (1977), Le Corbusier (1978), Richard Meier (1990). Alla luce di una posizione teorica mai dogmatica, ma tesa costantemente alla valorizzazione degli aspetti dialettici e conoscitivi del progetto di architettura, sia come progettista di opere autenticamente moderne (la Facoltà Teologica a Capodimonte, 1967, la Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli a Napoli, 1968, l’Hotel Continental a Napoli, 1970, i complessi per uffici Esedra ed IMI e la Torre sede del Consiglio Regionale della Campania al Centro Direzionale di Napoli, 1983-1990, l’Ospedale Militare per la Base U.S.A. Navy a Gricignano, e il Campus, 2002, “Dal Molin” a Vicenza, 2008) sia come progettista di restauri (Chiesa trecentesca della S.S. Annunziata in S. Agata dei Goti, Benevento, il seicentesco Complesso Monastico di S. Gregorio Armeno nel centro antico di Napoli, il restauro del Castel dell’Ovo a Napoli, i restauri di edifici del Moderno come ad esempio il Teatro Mediterraneo nella Mostra d’Oltremare di Napoli) che, come docente e divulgatore dei contenuti dell’architettura, pone al centro del suo lavoro una tensione costante verso la ricerca delle possibili condizioni di continuità fra progetto e contesto, al di fuori però di ogni sterile mimetismo e sulla base di un’articolata riflessione sui nodi critici della preesistenza. Nel 2010 riceve il premio alla carriera dall’Istituto Nazionale di Architettura, sezione Campania.

Direttore laboratorio ricerca storico-critica

Renato De Fusco

Renato de Fusco (Napoli, 1929) è Professore emerito di «Storia dell’architettura» presso l’omonima Facoltà della Federico II di Napoli. Ha insegnato «Storia del design» presso l’Istituto universitario Suor Orsola Benincasa. Dal 1964 ha fondato e diretto la rivista «Op.cit.» di selezione della critica d’arte contemporanea (dedicata all’architettura, al design, alle arti visive). Premio Inarch per la rivista nel 1967; premio Inarch alla carriera nel 2001. Dirige la collana di critica dell’architettura e design della Franco Angeli di Milano; quella di storia dell’architettura e design della Liguori Editore di Napoli; quella dell’ADI (Associazione per il Disegno industriale) e la collana dei «Trattati per l’architettura moderna» della Editrice Compositori di Bologna. Ha curato tutte le voci dell’architettura, delle arti figurative e del design del Grande Dizionario Enciclopedico, UTET, 1984. Ha ideato i due volumi dal titolo Gli strumenti del sapere contemporaneo e redatto le voci architettura, arti figurative e design, UTET, 1985. È socio onorario dell’ADI.

Le date principali del suo curriculum sono: 1953 laurea in architettura; 1954 fa parte del MAC (Mavimento arte concreta), studia con Zanuso, collabora alla «Casabella-continuità» di Ernesto. N. Rogers; 1955 entra nell’Istituto di Storia dell’architettura dell’Università di Napoli, diretto da Roberto Pane; 1961 libera docenza in «Caratteri dell’architettura moderna»; 1972 vince il concorso per ordinario di «Storia dell’architettura»; 2008 riceve il Premio alla Carriera del «Compasso d’Oro ADI».

Direttore laboratorio di sostenibilità finanziaria e amministrativa

Pasquale Persico

Pasquale Persico (1946) è economista, ordinario di Economia Politica Unisa, premio S: Vincent Per L’economia nel 1981, e Consultant OCDE per le Scienze e tecnologie. Ha insegnato nelle maggiori università , Uniroma1, Università Federico Secondo, Università Parthenope, Università di Bari e Università di Cosenza. Ha ricoperto ruoli direzionali in qualità di Direttore dipartimento scienze economiche Unisa, più cicli, Direttore scuola dottorato A. Genovesi a profilo multidisciplinare, Unisa. Presidente consiglio dei Direttori di dipartimento Unisa. Ha un vasto numero di articoli e monografie su temi di economia industriale, economia regionale, politica economica e di Economia e Politica economica per le Imprese. A partire da alcune esperienze di amministratore di enti pubblici (assessore comune di Salerno ) ed Assessore regionale della Regione Campania ha elaborato temi di economia urbana e pianificazione territoriale, dedicando particolare attenzione alla pianificazione strategica delle città e delle Aree Vaste (Vedi Piani strategici del Copparese, di Ferrara, di Potenza e del Parco nazionale del Cilento), fino a dare contributi innovativi sui temi della Politica economica per la Città e L’altra città. Insegna in attività di Master presso Polimi, Unina, Uniroma . E’ direttore della Collana “ La città degli Uomini “ e della collana “La città e L’atra città in collaborazione con Maria Cristina Treu. Particolare attenzione, negli ultima anni, è dedicata alla fattibilità economica, sociale, amministrativa ed ambientale dei progetti di area vasta a partire dai temi delle Aree Metropolitane e delle aree connesse. Coordinatore tecnico dell’Osservatorio Unesco Comune di Napoli recentemente esteso ai comuni metropolitani con Siti Unesco (Pompei, Ercolano, Torre Annunziata ed altri in attesa di riconoscimento).

Direttore laboratorio arti visive

Vincenzo Trione

Vincenzo Trione (Sarno, 1972) è Professore straordinario e Vicepreside della Facoltà di Arti, turismo e mercati e Coordinatore della Laurea triennale in Arti, design e spettacolo e della Laurea magistrale in Arti, patrimoni e mercati all’Università IULM.  E’ Direttore del Dipartimento/Istituto di ricerca in Arti e media  nella stessa università. Collabora al “Corriere della Sera” ed è titolare della rubrica d’arte di “Io Donna” (magazine del “Corriere della Sera”). È stato Commissario della XIV edizione della Quadriennale di Roma (2003) e Direttore generale di Valencia 09-Confines. Passajes de las artes contemporaneas. Dirige il Dipartimento di ricerca del Museo d’arte contemporanea Madre di Napoli. Ha curato mostre in musei italiani e stranieri (tra le altre, El siglo de Giorgio de Chirico presso l’IVAM di Valencia nel 2007, Salvador Dalí nel 2010 e Alberto Savinio nel 2011 entrambe a Palazzo Reale di Milano, e Post-classici al Foro romano e al Palatino di Roma nel 2013). Ha pubblicato numerosi saggi su momenti e figure delle avanguardie, monografie su protagonisti dell’arte del Novecento (Apollinaire, Soffici, de Chirico) e il libro Effetto città. Arte cinema modernità (Bompiani, 2014). Sarà curatore del Padiglione Italia alla 56esima Esposizione Internazionale d’Arte organizzata dalla Fondazione la Biennale di Venezia.

Comitato di direzione

Alessandro Castagnaro

Vincenzo Corvino

Giovanni Francesco Frascino

Giovanni Multari

Roberto Vanacore

Consiglio Scientifico

Prof. R. Amirante, Prof. P. Belfiore, Prof. L. Bellia, F. Bifulco, Dott. A. Calderoni, Prof. M. Campi, Arch. A. Castagnaro, Prof. A. Carravetta, D. Chipperfield, V. Corvino, Arch. M. Curzi, Arch. V. D’Ambrosio, Arch. L. De Falco, Prof. R. De Fusco, N. Dibattista, Prof. A. Di Luggo, Prof. R. Florio, Arch. G. F. Frascino, Dott. R. Girardi, Prof. A. Izzo, Prof. F. Izzo, M. Jodice, Prof. G. Laino, Prof. R. Landolfo, Prof. M. Losasso, Prof. P.L. Maffettone, Prof. G. Manfredi, Prof. P. Miano, Arch. G. Multari, R. Nys, Prof. L. Pagano, A. Palffy, A. Palombo, Prof. P. Persico, Prof. M. Petreschi, Prof. R. Picone, Prof. C. Piscopo, Dott. A. Prezioso, Prof. A. Prota, J. Rykwert, Prof. F. Rispoli, Prof. M. Russo, Prof. R. Serino, E. Souto De Moura, Prof. V. Trione, Dott. F. Tuccillo, Prof. R. Vanacore, Prof. G. Ventre, Arch. S. Paris, Arch. A. Zamboni, G. Zampieri.